Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

 
Presentazione del Rapporto SVIMEZ 2015 alla Camera dei Deputati, Sala della Regina. Da sinistra, il Direttore della SVIMEZ Riccardo Padovani, il Vice Presidente di Confindustria Alessandro Laterza, Mons. Filippo Santoro, Arcivescovo di Taranto, la Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, il Presidente della SVIMEZ Adriano Giannola, il Direttore dell'Agenzia per la Coesione Territoriale Maria Ludovica Agrò, il Responsabile CISL per il Mezzogiorno Giuseppe Farina
 
Prorogare nel Mezzogiorno anche per il 2016 con la stessa intensità e la stessa durata l’esonero dal pagamento dei contributi INPS a carico del datore di lavoro per i nuovi assunti a tempo indeterminato; introdurre misure di contrasto alla povertà nelle famiglie a rischio; definire una nuova politica industriale per il rilancio del Mezzogiorno; utilizzare l’energia geotermica del sottosuolo per riscaldare e raffreddare 40mila edifici di Napoli e provincia e creare 15mila posti di lavoro; creare una Zona Economica Speciale nel porto di Gioia Tauro.
Sono solo alcune delle proposte di rilancio del Sud avanzate dalla SVIMEZ nel Rapporto 2015 sull’economia del Mezzogiorno presentato il 27 ottobre 2015 a Roma alla Camera dei Deputati.

 
Secondo la SVIMEZ serve prioritariamente una politica attiva di sviluppo centrata sul Mezzogiorno nell’ambito di una “logica di sistema” e di un'azione strutturale di medio-lungo periodo, che sappia coordinare politiche aggiuntive di coesione con rinnovate azioni di politica ordinaria. “Lo sforzo è quello, sostiene la SVIMEZ, di concentrarsi su una positiva, forte e necessaria discontinuità” , facendo tesoro di quella straordinaria esperienza degli anni ’50-’70, che seppe modificare la struttura sociale ed economica del Paese. Necessaria quindi la ripresa del processo di industrializzazione del Sud quale elemento catalizzatore della crescita e il ripristino del ruolo degli investimenti pubblici.
 
I materiali disponibili
Introduzione e sintesi del Rapporto
Intervento e slides del Direttore Riccardo Padovani
Slides del Rapporto SVIMEZ
Schede regionali
Indice del Rapporto
Comunicato stampa - Le proposte SVIMEZ
Comunicato stampa - I numeri del Rapporto
Sintesi per la stampa
Programma della manifestazione
 
Associazione per lo sviluppo
dell'industria del Mezzogiorno
via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Centralino 06.478501
Fax 06.47850850