Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

 

Il Direttore SVIMEZ Luca Bianchi interviene, a Firenze, con una relazione sugli effetti moltiplicativi degli investimenti sul sistema Paese, al seminario “Investeu: opportunità per le imprese e il territorio”, organizzato il 13 novembre dalla Fondazione Cassa Risparmio di Firenze. All’iniziativa hanno dato il loro contributo Gabriele Gori, Direttore generale Fondazione Cassa Risparmio Firenze, Luana Nencioni, responsabile del centro Europe direct di Firenze, Alessandro Petretto, dell’Università di Firenze, Daria Ciriaci, della Rappresentanza della commissione Europea in Italia, Fabio Maisto di Cassa depositi e prestiti, Tiziano Bonacchi, Luigi Salvadori, Paolo Maria Grossholz di Confcommercio e Giancarlo Barbieri, Presidente della commissione regionale Abi Toscana.
 
Il programma

 

Valutazioni e previsioni
a cura di Stefano Prezioso, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

La SVIMEZ ha da tempo sviluppato uno strumento di analisi economica di tipo quantitativo (NMODS) utilizzato sia per effettuare previsioni di breve/medio periodo, che per valutare l’impatto macroeconomico di interventi di politica economica.
Il principale elemento che differenzia NMODS dagli altri modelli econometrici disponibili è che tratta le due grandi ripartizioni in cui si articola l’economia italiana - Centro-Nord e Mezzogiorno - in maniera distinta. Specificatamente, nella costruzione del modello è stata adottata una procedura “dal basso” (bottom-up) piuttosto che, come spesso avviene, “spaccare” il dato nazionale con l’ausilio di qualche metodologia più o meno sofisticata (top-down). Di conseguenza, NMODS è in grado di effettuare previsioni sull’andamento delle principali variabili dell’economia del Mezzogiorno e del Centro-Nord che tengano conto dei diversi meccanismi che ne regolano l’evoluzione.
Per accrescere la capacità interprativa delle analisi di impatto dei principali provvedimenti di politica economica, la SVIMEZ ha provveduto alla stima dei conti delle Amministrazioni Pubbliche, per tutte e venti le regioni italiane, coerente con quelli validi per il computo dei saldi di finanza pubblica in sede comunitaria.
 
L’impatto della manovra di bilancio e le previsioni 2018-2020
 

 

“Mezzogiorno economia resiliente? La questione meridionale oggi”. Seminario Jean Monnet, organizzato in collaborazione con Rosa Bianca di Pisa e dedicato all’analisi dei dati presentati nel Rapporto Svimez 2018. L’incontro si svolge il 13 novembre all’Università di Pisa. Partecipano: il Vice Direttore SVIMEZ, Giuseppe Provenzano, il professore della Scuola Superiore Sant’Anna, Andrea Roventini, il professore dell’Università di Roma Tre, Pasquale Tridico. Coordina il professore dell’Università di Pisa, Davide Fiaschi.
 
Il programma

 

Il Rapporto SVIMEZ 2018 sarà al centro di un confronto organizzato da ReS (Riformismo e solidarietà) il 15 novembre al CNEL. Ne parleranno Tiziano Treu, Presidente CNEL; Luca Bianchi, Direttore SVIMEZ, Claudio De Vincenti, ex-ministro per il Mezzogiorno e Pier Paolo Baretta, Presidente Res.
Il tema al centro del confronto sarà la crescita dell’economia meridionale, che nel triennio 2015-2017 ha solo parzialmente recuperato il patrimonio economico e anche sociale disperso dalla crisi nel Sud. Oggi la ripresa è trainata dagli investimenti privati, manca il contributo della spesa pubblica. E il Rapporto segnala una forte disomogeneità tra le regioni del Mezzogiorno: nel 2017, Calabria, Sardegna e Campania registrano il più alto tasso di sviluppo.
 
Il programma

 

All’indomani della presentazione del Rapporto SVIMEZ 2018, una delegazione della SVIMEZ, composta dal Presidente Adriano Giannola, dal Direttore Luca Bianchi e dal ricercatore esperto Stefano Prezioso, si è recata alla sala del Mappamondo di Palazzo Montecitorio, in audizione presso le Commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato, nell’ambito dell’indagine conoscitiva preliminare all’esame del disegno di legge sul Bilancio di previsione dello Stato per il 2019 e Bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021.
 
✔ L’impatto della manovra di bilancio e le previsioni 2018-2020
 
✔ Sintesi ed allegato
Associazione per lo sviluppo
dell'industria del Mezzogiorno
via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Centralino 06.478501
Fax 06.47850850