Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Il Mezzogiorno oggi: la ripresa si consolida ma permane l'emergenza sociale
Pubblicati gli atti della presentazione del Rapporto SVIMEZ 2017 (24 aprile)
L'azione politica per lo sviluppo del Mezzogiorno nel Governo Gentiloni
Seminario organizzato dalla SVIMEZ e RGM (20 aprile)
La SVIMEZ a ''Radio anch'io'' di Radio1
Replica della trasmissione (15 marzo)
Approfondimento del ''Sole 24 Ore'' sul Sud
Intervista al Direttore Luca Bianchi, dichiarazioni del Vice Direttore Giuseppe Provenzano, dati e stime SVIMEZ (13 marzo)
La condizione delle donne nel Mezzogiorno
Ricerca SVIMEZ (8 marzo)
 
Seminario 17 marzo 2016
Un volume, un progetto di recupero e valorizzazione archivistica, un dibattito su attualità e strategie di sviluppo per il Mezzogiorno, tutto a partire dalla Cassa per il Mezzogiorno: sono i contributi presentati dalla SVIMEZ al convegno “Il Mezzogiorno nella storia economica d’Italia. Una questione aperta” promosso dall’Archivio Centrale dello Stato che si è svolto il 17 marzo a Roma.
 
L’economia del Mezzogiorno dal dopoguerra al 1992: il volume SVIMEZ – Il volume "La dinamica economica del Mezzogiorno. Dal secondo dopoguerra alla conclusione dell'intervento straordinario" a cura della SVIMEZ pubblicato da “Il Mulino” e presentato a Roma, ricostruisce e analizza gli andamenti economici meridionali dal 1951, anno di fondazione della Cassa per il Mezzogiorno, al 1992, anno in cui con la chiusura dell’AgenSud si sancì la fine dell’intervento straordinario per il Mezzogiorno. I cambiamenti di politiche per il Sud nei vari decenni, gli interventi infrastrutturali, le politiche di incentivazione industriale, gli interventi in campo agricolo ed energetico, i problemi del sistema finanziario, il peso dell’economia illegale, il ruolo della formazione nello sviluppo meridionale: sono tanti gli aspetti messi in luce dal volume, sia in una prospettiva storica, che in rapporto al contesto economico italiano, internazionale, e all’impatto delle politiche territoriali adottate.
 
Seminario 17 marzo 2016La SVIMEZ e il progetto Aset (Archivi dello sviluppo economico territoriale) – Cassa per il Mezzogiorno – “La SVIMEZ ha molto investito nel progetto di recupero e valorizzazione dell’Archivio della Cassa per il Mezzogiorno”, ha dichiarato nel suo intervento il Direttore della SVIMEZ Riccardo Padovani. Una mole immensa di documenti inediti pari a circa 20 km di lunghezza lineare, che rischiava seriamente di disperdersi. Secondo Padovani questo progetto è l’occasione “per il rilancio di una riflessione pubblica informata e consapevole sul Mezzogiorno, propedeutica alla definizione di un disegno strategico di sviluppo per l'economia dell'area”. Una riflessione che parta dal superamento del pensiero dominante secondo cui “nella teoria e nella politica economica quella stagione di intervento pubblico si sarebbe voluta ridurre a una storia di errori da non ripetere”. Si è trattato invece, continua Padovani, di “una tradizione di pensiero e di politica economica che deliberatamente puntava a modificare la struttura produttiva e sociale del Paese, puntando proprio sull'intervento nel Mezzogiorno, visto come area a maggiore potenziale di sviluppo”. Per cui, conclude Padovani, “è una vicenda che ci dimostra come il "ritardo" del Mezzogiorno non sia un destino segnato dalla storia, non sia immutabile, non sia irreversibile, ma dipenda dalle stagioni dello sviluppo e da precise scelte politiche compiute o mancate, che hanno adeguatamente o meno risposto alle sfide del proprio tempo”.
 
Seminario 17 marzo 2016Il dibattito – “Il ragionamento meridionalistico non deve essere sul Mezzogiorno, ma sull’Italia, in un’Unione europea e un mondo globalizzato in cui non siamo competitivi come sistema Paese”, ha dichiarato il Presidente della SVIMEZ Adriano Giannola nel corso del dibattito. “Difficile cambiare verso soltanto con le pur importanti riforme istituzionali; serve un progetto italiano in cui il Sud sia riconosciuto come ingrediente fondamentale. È necessario e opportuno infatti un ripensamento del ruolo complessivo Nord-Sud per uscire dalla crisi e dal declino italiano”. “L’unificazione economica dell’Italia è stata per anni il cruccio del fondatore della SVIMEZ Pasquale Saraceno, ha sostenuto il Consigliere SVIMEZ Amedeo Lepore, e quest’obiettivo alla SVIMEZ è stato portato avanti da uomini di estrazioni culturali diverse, animati tutti dallo stesso intento riformista. Oggi non serve parlare soltanto di iniziative dall’alto o dal basso, di questione meridionale e settentrionale. L’esperienza della Cassa insegna la possibile reciprocità di interessi tra Nord e Sud”. Si sofferma invece sui diversi indirizzi di policy per il Mezzogiorno il Consigliere SVIMEZ Paolo Baratta: “Al filone rivendicazionista di alcune tendenze separatiste si sono presto affiancati il filone perequativo, basato sulla necessità della distribuzione del reddito verso le regioni più povere, e quello selettivo, nelle sue due anime: una più favorevole al sostegno degli investimenti per aumentare la capacità di reddito, l’altra maggiormente incline alla necessità di un coinvolgimento più forte dell’industria nel processo di sviluppo. Nella dinamica tra interventi perequativi e selettivi è prevalsa la prima istanza, conclude Baratta, ma a oggi non si è dimostrata sufficiente”. Ha invece posto delle domande più che fornire delle risposte il Consigliere Piero Barucci. Nel ripercorrere il dibattito politico degli anni ’50 e ’60 della Cassa, nella golden age, la profonda riflessione dei diversi partiti e delle istituzioni del tempo sulla questione meridionale, si chiede Barucci, “alla fine ci dobbiamo abbandonare a un doloroso ricordo di quello che è stato oppure con un colpo d’ala possiamo pensare a un altro scenario?
 
Il volume può essere acquistato presso l'Ufficio Cassa dell'Archivio centrale dello Stato (http://acs.beniculturali.it) o inviato per posta, previa richiesta ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Dal 31 marzo il volume sarà presente nelle principali librerie.
 
Indice del volume
 
Intervento del Direttore Riccardo Padovani al convegno
 
"Il Mezzogiorno riparte dalla storia della Casmez" - Il Quotidiano del Sud (20 marzo)
 
Cassa per il Mezzogiorno, venti chilometri di storia. L'articolo di Franco Barbagallo sull'edizione napoletana di "Repubblica" (22 marzo)
 
Associazione per lo sviluppo
dell'industria del Mezzogiorno
via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Centralino 06.478501
Fax 06.47850850