Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Nel solco delle celebrazioni per il Settantenario SVIMEZ, celebrato nel dicembre 2016, si inserisce la pubblicazione di due distinte opere, in uscita in questi giorni, che costituiscono un progetto unitario e sono intimamente correlate.
 
Copertina volume DandoloLa prima, di Francesco Dandolo, fa parte della Collana della SVIMEZ edita da Il Mulino, e si intitola Il Mezzogiorno fra divari e cooperazione internazionale. “Informazioni SVIMEZ” e la cultura del Nuovo Meridionalismo (1948-1960) .
 
quaderno 52 copertinaLa seconda, di Filippo Di Iorio, rientra nella collana dei “Quaderni SVIMEZ” al numero 52, ed è intitolata "Problemi dei paesi economicamente sottosviluppati. Supplementi ad “Informazioni SVIMEZ” editi negli anni 1952-1964, Organizzazione bibliografica ragionata".
Il Settantenario è stato un anniversario di indubbio spessore storico, sottolinea il Presidente SVIMEZ Giannola, per riflettere con rinnovata passione e idealità sulle motivazioni che furono alla base della nascita dell’ente meridionalista.
 
Giannola ricorda altresì che l'Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno nacque nel dicembre 1946, al fine di promuovere studi, elaborazioni di dati, ricerche applicate, convegni, mostre, e tutto ciò che potesse contribuire in maniera propositiva alla risoluzione della questione meridionale, la cui urgenza risaltava con chiarezza nell'Italia del secondo dopoguerra.
 
Fin dai suoi primi passi, la SVIMEZ intese il Mezzogiorno come parte palesemente arretrata del Paese, ma le cui straordinarie potenzialità, se opportunamente sfruttate con piani mirati, avrebbero potuto rafforzare lo sviluppo e la coesione dell'Italia intera. Il Mezzogiorno, dunque, fu concepito come una risorsa, piuttosto che come un peso da trascinarsi stancamente senza alcuna progettualità.
 
Guardando alle difficili condizioni socioeconomiche in cui, ancora oggi, versa il Mezzogiorno, è evidente come l'attività della SVIMEZ abbia ragione di essere costantemente valorizzata, perché da tale ente possano continuare a scaturire idee, teorie, ma soprattutto piani strategici di politiche pubbliche da approntare urgentemente, per invertire la rotta e ridestare le sorti dell’Italia meridionale.
 
Come risulta ancora attuale la ragion d'essere di tale ente, allo stesso modo è significativo andare a scandagliare nel suo passato, per dare un contributo significativo alla risoluzione della questione meridionale.
 
In particolare, il volume di Francesco Dandolo si basa sullo spoglio sistematico di "Informazioni SVIMEZ", rivista settimanale edita dall'Associazione dal 1948 al 1981, e si concentra sull'arco temporale che va dal 1948 al 1960. In esso si analizzano le caratteristiche fondamentali di tale periodo per il Mezzogiorno, inquadrate nell’ottica della letteratura anche più recente, documentando così l’impegno quotidiano della SVIMEZ nel porre centralità allo sviluppo del Sud. Altro importante tratto evidenziato dal volume è la dimensione sociale che accompagnò le analisi economiche, intese non come puri tecnicismi teorici, ma quali strumenti essenziali per accertare il malessere della società meridionale e i disagi concreti e quotidiani che condizionavano e limitavano le opportunità di decine di milioni di uomini e di donne del Sud nel costruirsi un avvenire migliore per sé e per i propri figli. Era questa la cultura del nuovo meridionalismo.
 
A sua volta, il volume di Filippo Di Iorio presenta una riorganizzazione bibliografica ragionata, fruibile e accessibile, dei Supplementi a “Informazioni SVIMEZ” sui problemi dei Paesi economicamente sottosviluppati>. Per questo motivo, è comprensivo di un indice cronologico, di un indice per autore e di un indice per materia, relativi ai contenuti dei suddetti Supplementi. Questi ultimi sono stati editi dalla SVIMEZ, con cadenza mensile, dal 1952 al 1964. La genesi dei Supplementi SVIMEZ va rintracciata nella necessità di raccogliere sistematicamente idee, teorie e strategie inerenti il ritardo di sviluppo, provenienti dalle più diverse esperienze internazionali dei vari autori stranieri, al fine di trovare analogie con le problematiche del Sud.
 
Scarica qui l'indice del volume "Il Mezzogiorno fra divari e cooperazione internazionale. “Informazioni SVIMEZ” e la cultura del Nuovo Meridionalismo (1948-1960)"
 
Scarica qui il Quaderno SVIMEZ n. 52 "Problemi dei paesi economicamente sottosviluppati. Supplementi ad “Informazioni SVIMEZ” editi negli anni 1952-1964, Organizzazione bibliografica ragionata"
Associazione per lo sviluppo
dell'industria del Mezzogiorno
via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Centralino 06.478501
Fax 06.47850850