Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Presentazione Rapporto SVIMEZ 2018 L'economia e la società del Mezzogiorno
Tutti i materiali
Il Direttore Luca Bianchi presenta il Rapporto SVIMEZ alla stampa estera
(3 dicembre)
4° incontro Istituti meridionalisti, indetto dai Presidenti Bianco (ANIMI) e Giannola (SVIMEZ)
La legge di Bilancio 2019, Prospettive e dinamiche di sviluppo nel Mezzogiorno (10 dicembre)
Il Presidente Mattarella ha ricevuto una delegazione SVIMEZ
6 novembre
Ripartizione territoriale del Reddito di cittadinanza
Approfondimento del quotidiano la Repubblica (15 novembre)
 
2016 05 10 seminario 1
 
“Dei tre decreti delegati approvati nell’ambito del progetto di Riforma della PA (Riforma Madia) ci teniamo a sottolineare la necessità di adottare un bilancio programmatico nelle pubbliche amministrazioni con distinzioni dei capitoli di spesa Nord-Sud, di valorizzare il bilancio di cassa di tradizione anglosassone, e di adottare un controllo di gestione che esamini non solo le spese ma anche le performances e i risultati finali delle amministrazioni pubbliche”.
 
È quanto ha proposto il Direttore della Rivista Giuridica del Mezzogiorno Manin Carabba nel corso del Seminario SVIMEZAnalisi delle politiche pubbliche e controllo di gestioneche si è svolto martedì 10 maggio 2016 a Roma.
 
“Il bilancio programmatico ha un senso se i programmi vengono articolati voce per voce e se il Parlamento si esprime votando i programmi stessi; diversamente, tabelle che riclassificano la spesa in rubriche non costituiscono un bilancio programmatico” ha dichiarato Carabba. E’ inoltre necessario, secondo la SVIMEZ, che venga introdotta dentro i programmi la distinzione della spesa a livello territoriale sia per il Sud che per il resto del Paese, così da tenere meglio sotto controllo sia l’esatta destinazione delle risorse al Mezzogiorno che la loro collocazione ai fini della strategia di sviluppo dell’area. Secondo la SVIMEZ, continua Carabba, sarebbe auspicabile che il Parlamento fosse chiamato a votare sul bilancio di cassa piuttosto che, come fa tradizionalmente, su quello di competenza, così da allinearci agli altri paesi europei. Il passaggio al bilancio di cassa sul modello britannico semplificherebbe la lettura delle singole voci di spesa anche da parte dei funzionari europei chiamati a valutare la conformità delle misure ai vincoli da far rispettare. Soprattutto in ambito sanitario, ma più generale all’interno della PA, occorrerebbe, continua Carabba, “adottare un sistema tecnico congiunto Istat-Sistan che permetta la misurazione finale delle spese collegandole ai servizi resi a vario titolo ai cittadini. In questo modo il controllo di gestione non si limiterebbe ad essere un’operazione aritmetica o una grida manzoniana bensì un documento di valutazione delle performances delle amministrazioni pubbliche”.
 
Negli ultimi anni la SVIMEZ ha dedicato continua attenzione al tema della PA nel Mezzogiorno, sia all’interno del Rapporto annuale che delle riviste trimestrali, ha dichiarato il Presidente della SVIMEZ Adriano Giannola intervenendo al Seminario. Secondo noi la grande sfida che la Riforma Madia ha di fronte è intervenire sui diversi livelli di efficienza dei servizi della PA nei territori, correggendo quelle dinamiche diffuse soprattutto nel campo dell’istruzione e della sanità che rendono purtroppo patologici alcuni cattivi comportamenti”.
 
Nella PA la valutazione delle politiche pubbliche è un fattore cruciale, e assume ancora maggior peso nelle politiche di sviluppo per il Sud, ha affermato nella sua relazione il Consigliere SVIMEZ Antonio La Spina. Purtroppo al momento il bilancio generale non è molto confortante, in quanto, pur in presenza di specifiche prescrizioni comunitarie, risorse economiche dedicate alla valutazione, ricchezza di dati disponibili, nonché disponibilità di un apparato di valutazione competente, si fa fatica a individuare le cause degli insuccessi delle politiche, a suggerire soluzioni e a intervenire sui fenomeni per modificare la situazione iniziale. Uno degli elementi, conclude La Spina, che incide su questo processo è il fatto che gli obiettivi originari delle politiche svaniscono in fase di implementazione oppure vengono modificati in corso d’opera”.
 
Il valore economico della qualità della PA nel Rapporto SVIMEZ - Secondo la SVIMEZ “avere istituzioni di qualità in tutto il territorio, una PA ispirata a criteri e valori di equità, trasparenza, responsabilità, efficacia ed efficienza è la premessa fondamentale per ridurre il divario Nord-Sud e avviare lo sviluppo nelle aree più arretrate. Istituzioni pubbliche di qualità differente sul territorio nazionale, infatti, incidono sulle potenzialità di sviluppo economico, non garantiscono gli stessi diritti in tutto il Paese, e aggravano le condizioni di disuguaglianza e sofferenza sociale”. Inoltre nel processo di riforma della PA in corso sarebbe necessario riuscire a tenere insieme esigenze di omogeneità (diritti e servizi uguali per tutti i cittadini) con interventi differenziati a seconda dei contesti, così da permettere una maggiore possibilità di recupero per le aree più arretrate. A livello di risorse, inoltre, il costo di una “buona amministrazione” non può essere delegato alle politiche aggiuntive ma alle politiche pubbliche ordinarie e generali.
 
 
Ascolta l'audio del Seminario
 
Materiali
 
Programma
 
Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di completamento della riforma della struttura del bilancio dello Stato in attuazione dell'articolo 40, comma 1, della legge 31 dicembre 2009, n° 196 (264)
 
Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento di disciplina delle funzioni del dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri in materia di misurazione e valutazione della performance delle pubbliche amministrazioni
 
Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di riordino della disciplina per la gestione del bilancio dello Stato e il potenziamento della funzione del bilancio di cassa in attuazione dell'articolo 42 della legge 31 dicembre 2009, n° 196 (265)
Associazione per lo sviluppo
dell'industria del Mezzogiorno
via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Centralino 06.478501
Fax 06.47850850