Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Conferenza stampa di presentazione delle anticipazioni del Rapporto SVIMEZ 2018
Biblioteca SVIMEZ (1 agosto)
Sicilia. Ripartire dalle imprese
Editoriale Bianchi e Provenzano sulla Sicilia su L'Economia del Corriere della Sera (16 luglio)
Speciale del Corriere della Sera
Le analisi SVIMEZ al centro dell’inchiesta sul magazine SETTE (12 luglio)
Inchiesta de Il Sole 24 Ore sui servizi pubblici al Sud con i dati SVIMEZ
Nell’ambito dell’inchiesta è stato sentito il parere del Direttore SVIMEZ Luca Bianchi (1 luglio)
Effetti economici di breve periodo dell’emigrazione universitaria dal Sud al Centro-Nord
La valutazione della SVIMEZ (25 giugno)
Studio SVIMEZ su Ilva inviato al Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio
Approfondimento de "Il Sole 24 Ore" (12 giugno)
Intervista a Luca Bianchi al Tg1
Il Direttore SVIMEZ sui diritti di cittadinanza negati al Sud
La SVIMEZ a ''Radio anch'io'' di Radio1
Replica della trasmissione (15 marzo)

Attività dell’amministrazione e sistema di tutela: una questione di modelli di tutela o di ruolo del giudice?
di Giammarco Sigismondi
Il tradizionale dibattito sulla specialità del diritto amministrativo e sulle ragioni dell’esistenza di un giudice speciale per questo diritto può verosimilmente trovare una composizione in una prospettiva che valorizzi le equivalenze riscontrabili rispetto ai modelli di tutela e agli strumenti propri del diritto comune. Questo dibattito non deve invece far passare in secondo piano la tendenza in atto verso un sistema che vede l’interprete ritagliarsi sempre maggiori spazi per contribuire alla costruzione dell’ordinamento giuridico con il proprio apporto creativo. Questa tendenza, tuttavia, presenta diversi problemi di ordine costituzionale.

 

Il ruolo delle società finanziarie regionali del Mezzogiorno nella gestione dei Fondi strutturali nel ciclo di programmazione 2007-2013
di Fabrizio Tuzi
Il presente studio cerca di approfondire il ruolo che le Regioni, in particolare quelle meridionali, hanno attribuito alle rispettive società finanziarie regionali, nell’attuazione del ciclo di programmazione 2007-2013 dei Fondi strutturali.
L’analisi sulle iniziative territoriali evidenzia alcune differenze riguardo la tipologia dei temi affrontati e la natura delle spese sostenute, anche se i dati mostrano come le Regioni abbiano cercato di coprire, attraverso gli interventi finanziati, un numero molto vasto di ambiti, con conseguente parcellizzazione delle iniziative.
Sembra emergere una certa resistenza da parte delle Regioni a delegare a soggetti specializzati quali le società finanziarie regionali le attività di gestione delle iniziative legate all’attuazione della programmazione 2007-2013 dei Fondi strutturali. Tuttavia, le azioni intraprese da dette società confermano come queste siano in grado di svolgere interventi di promozione dello sviluppo del sistema produttivo del territorio, nonché di intermediazione finanziaria. Tra le azioni messe in campo da tali soggetti, spiccano anche attività tese a sostenere le politiche sociali e lo sviluppo di progetti di R&S per la promozione dell’innovazione tecnologica presso le imprese operanti nel territorio.
Le recenti iniziative avviate dalle società finanziarie regionali in termini di coordinamento e messa in comune delle rispettive esperienze potrebbero rappresentare un’efficace opportunità per incrementare la collaborazione orizzontale tra le Regioni al fine di sperimentare nuovi modelli di policy in previsione dell’attuazione del ciclo di programmazione 2014-2020 dei Fondi strutturali.

 

Associazione per lo sviluppo
dell'industria del Mezzogiorno
via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Centralino 06.478501
Fax 06.47850850