Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

 
Da sinistra, i relatori Gian Paolo Boscariol, Stelio Mangiameli, il Consigliere SVIMEZ Manin Carabba e Robert Leonardi.Si è tenuto martedì 3 marzo presso la Biblioteca della SVIMEZ a Roma, il Seminario “Fondo per lo sviluppo e la coesione e Fondi strutturali come strumenti per l’intervento pubblico nel Mezzogiorno” promosso dal trimestrale della SVIMEZ “Rivista giuridica del Mezzogiorno”.
 
Introdotto e coordinato dal Consigliere SVIMEZ Manin Carabba, il Seminario è stato centrato sulle relazioni di Robert Leonardi, Visiting Professor di Politiche europee dell’Università “Luiss”(Fondi strutturali e declino economico, perché? L'anomalia del caso italiano), Gian Paolo Boscariol, già Coordinatore della documentazione del Dipartimento Finanze del Servizio Studi della Camera dei Deputati (Le politiche di coesione 2014-2020: dall'Accordo di partenariato alla nuova programmazione del FSC) e Stelio Mangiameli, Direttore dell’Issirfa-CNR (POR nel Mezzogiorno).
 
Sono seguiti gli interventi di Vincenzo Donato, Dirigente generale del DPS, Giorgio Macciotta, Consigliere CNEL, Giuseppe Soriero, Consigliere SVIMEZ, Roberto Gallia, Esperto di politiche per lo sviluppo, Michele D'Ercole, Dirigente dell'Agenzia per lo Sviluppo e la Coesione/DPS, Giuseppe Provenzano, Ricercatore SVIMEZ e Francesco Sprovieri, Responsabile Affari normativi di Invitalia.
Ha concluso Amedeo Lepore, Consigliere SVIMEZ.
 
Materiali del seminario
Slides dell'intervento di Robert Leonardi
Slides dell'intervento di Stelio Mangiameli
Slides dell'intervento di Roberto Gallia
 
Ascolta l'audio
 
Associazione per lo sviluppo
dell'industria del Mezzogiorno
via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Centralino 06.478501
Fax 06.47850850